Media & recensioni

07/12/2009

ARTE VARESE – Kunze, espressionismo tedesco (dicembre 2009)

Anja Kunze, giovane artista tedesca da anni residente ad Oleggio, stupisce con i suoi ultimi lavori esposti al locale People di Busto Arsizio. Secondo i modi di un’informale violento e materico, l’artista torna a raccontare le contraddizioni e le tante sfaccettature dell’animo umano.

Busto Arsizio: L’artista con un’opera

Artista d’impatto – Anja, giovane per età, non certo per esperienza ed approfondimento artistico, torna ad esporre a Busto. Da alcuni giorni infatti l’artista tedesca ha presentato le sue nuove opere “esplosive” al locale People. Origini tedesche, cuore e sentimento italiano, libertà espressiva senza barriere: tornano gli ingredienti fondamentali della sua pittura. Anja nasce nel 1983 a Reichenbach (Germania) e nel 2002 vi consegue il diploma della scuola d’arte. Poi una rapida carriera in crescendo: mostre in Germania, Italia (dove si trasferisce dopo il diploma) e Spagna, ed oggi a Busto Arsizio. Una nuova occasione per impattare con forza la sentimentalità del suo animo.

Inumane macchie – E’ nel mondo dell’espressionismo che la ricerca dell’artista si sviluppa, cresce e si affina. La sua pittura si distingue per la violenza del gesto, per la densa coltre di colore che cola dall’alto sulle sue tele, come lacrime copiose sul volto di ragazza. La materia e il gesto traducono la complessità d’animo una giovane donna, le infinite sfumature di sentimenti, rese attraverso sgocciolature e sovrapposizioni. E da questa superficie magmatica ecco che affiorano forme inumane, disumane, sovrumane: quel lato di noi che non si riflette nello specchio ma che proviene dalla profondità della coscienza, dove ritroviamo corpi e pensieri, sopiti o sotterrati.

Altalena di sentimenti – Le nuove opere, circa una quindicina, esposte al People, testimoniano le ultime trasformazioni di Anja: la tavolozza pare farsi in alcuni casi più vivace, con colori sgargianti come il rosa shocking, il verde bottiglia, il giallo, il viola. Quello che resta immutata è la volontà dell’artista di tornare ancora una volta, con forza e coraggio, a descrivere se stessa, mettendosi a nudo attraverso il linguaggio delle emozioni forti. La sua anima tormentata e contraddittoria è lì, pronta a raccontarsi, tra gli impasti materici, le grandi macchie, le lunghe colate di colore, la rabbia delle pennellate.

Anja Kunze – personale di pittura  
5-20 dicembre 2009
People, circolo Acli
Via Concordia 1, Busto Arsizio (VA)
Orari: Dal Venerdì alla Domenica dalle ore 21,00 fino alle ore 24,00

Manuela Ciriacono

SWITCH THE LANGUAGE